Tutte le ultime notizie dal mondo dell'ecologia

18 scuole materne di Modena hanno deciso di adottare piatti e bicchieri lavabili e riutilizzabili al posto delle stoviglie usa e getta. Si risparmieranno circa 57 kg di plastica al giorno.
Da novembre aderiranno all’iniziativa anche alcune scuole primarie dove si utilizzeranno stoviglie in polpa di cellulosa completamente riciclabili e compostabili.
(Fonte: Greenme)

 

Il progetto è di uno studio di architettura di Londra, Y/N Studio, e pare piaccia molto al sindaco Boris Johnson. L'idea è di creare una sorta di corsia preferenziale sul fiume Tamigi, percorribile nuotando. I pendolari nuotatori potrebbero lasciare i vestiti da lavoro in appositi spogliatoi nelle stazioni di arrivo e magari uscire di casa in costume da bagno.
Due i vantaggi: il nuoto è un sistema di trasporto ecologico a zero emissioni inquinanti e poi d'inverno l'acqua gelida del Tamigi fa benissimo alla pelle.
(Fonte: IlMessaggero.it)

 

La certificazione EcolabelTorna questa settimana l'apprezzata rubrica “Mamma Chimica” di Sara Alberghini. Questa settimana si parla di Ecolabel. Buona lettura!

La certificazione Ecolabel è un marchio di qualità ecologica concepita e garantita dalla UE. Si riconosce dal simbolo del “fiorellino europeo” riportato direttamente in etichetta. Secondo me è un ottimo compromesso di performance-prezzo-impatto ambientale tra i prodotti ecologici di nicchia e quelli commerciali famosi, più economici ma inquinanti. Inoltre i prodotti Ecolabel si possono anche trovare nei supermercati e nei discount.

Un prodotto o un servizio ottiene il marchio Ecolabel solo se:
1) è efficace (es. detersivi che lavino!)
2) non contiene sostanze pericolose per la salute
3) abbia un impatto ambientale minimo anche usando sostanze (o parti di molecola) di origine petrolifera. Infatti CALCOLA esattamente l'inquinamento che il prodotto avrà durante “l‘intero ciclo di vita”, dalle materie prime fino all'arrivo nelle acque reflue. Quindi c'è attenzione anche al tipo di confezione o flacone. Non gli interessa invece l'origine della materia prima. In pratica l'obiettivo è che Ecolabel arrivi a coprire il 30% dei prodotti esposti in un negozio. (Ovviamente se fosse imposto di usare "solo" sostanze di origine vegetale, sarebbe un vero e proprio disastro ecologico, perché le piantagioni di cocco e di palma verrebbero devastate!)

Leggi tutto...
 

Commenta

Il Premio è stato istituito per invogliare le persone a scegliere i prodotti attenti all’ambiente e per incoraggiare le imprese a realizzarli. Ad attribuire il Premio a prodotti o servizi presenti in 40 categorie sarà una giuria composta da 10.000 italiani, dopo che il Comitato Scientifico avrà effettuato un primo vaglio dei prodotti e servizi candidati. Il riconoscimento è realizzato con il sostegno di mezzi di informazione, tra cui il settimanale Oggi, il summit in diretta web Ecoshow, il mensile Espansione, la tv Diva Universal.
www.premionatura.it

Eco News

Secondo un'analisi Coldiretti/Censis nel 2012 oltre 7 milioni di italiani hanno partecipato a gruppi di acquisto solidale. Si tratta del 18,6% della popolazione...
Leggi...
L'idea è semplice: un sito internet dove far convergere domanda e offerta nel settore del trasporto merci, sfruttando il poco ecologico fatto che...
Leggi...
200mila abitanti sulle coste della Cantabria, nel nord della Spagna, questa città è dotata di 12mila sensori che monitorano e controllano tutto quello...
Leggi...






Ecoshow Newsletter

Per conoscere le ultime novità di Ecoshow, iscriviti alla nostra Newsletter.

Iscriviti

Seguici...

     
La pagina Facebook di Ecoshow   Il canale YouTube di Ecoshow

Ecoshow su Facebook