Tutte le ultime notizie dal mondo dell'ecologia

Si chiama Musicycle ed è un progetto nato due anni fa in occasione del Womex di Copenaghen, un importante festival dedicato alla world music. Ma di cosa si tratta esattamente? Semplice: di un modo divertente ed educativo per ascoltare buona musica annullando l'impatto ecologico del concerto. L'idea, come molte idee di successo, è di estrema immediatezza: basta mettere un certo numero di biciclette sotto al palco (in base al consumo previsto dal concerto) e il gioco è fatto.
Grazie a un meccanismo quasi spontaneo di interazione e partecipazione, gli spettatori diventano l'elemento portante del concerto, perché sono loro a permetterne lo svolgimento. E lo fanno pedalando e ascoltando allo stesso tempo la musica che contribuiscono ad alimentare.

Leggi tutto...
 

Il riciclo non fa bene soltanto all'ambiente, ma anche alle casse dei Comuni. La notizia diramata dal CONAI parla di quasi 300 milioni di euro ottenuti dalle pubbliche amministrazioni per la raccolta degli imballaggi nel periodo 1998-2011.
Una cifra molto elevata che però non tiene conto degli ulteriori benefici che si ottengono attraverso il riciclo: diminuzione dei costi di smaltimento, riduzione della CO2 nell'atmosfera, produzione di «materie prime seconde» che possono essere nuovamente immesse sul mercato.
Si tratta dell'ennesima dimostrazione che un modello di sviluppo più rispettoso dell'ambiente può contemporaneamente generare ricchezza e benessere.

Leggi tutto...
 

Gunter PauliSiamo qui per parlare con Gunter Pauli, economista attivista fondatore di Zeri e molto altro ancora. Uno degli argomenti che dobbiamo affrontare è la Blue Economy, uno dei temi di questa edizione di Ecoshow e il tema del suo ultimo libro, stampato in Italia da Edizioni ambiente.

La Blue Economy è qualcosa in più della green Economy. Può spiegare?

Prima di tutto grazie per avermi permesso di essere qui a condividere queste riflessioni. La Blue Economy è sostanzialmente un’evoluzione della green Economy; in molti abbiamo cercato di creare un’economia verde, un’economia fatta di prodotti e consumi sostenibili.
Dopo molti anni di lavoro mi sono convinto che tutto quello che è buono per l’ambiente e per la nostra salute, è anche costoso.
Come si può costruire un sistema economico in cui solo i ricchi possono permettersi di spendere e rispettare l’ambiente mentre per gli altri , sostanzialmente, resta l’economia “sporca”… non posso essere d’accordo.
Mi sono detto che, con tutti i limiti imposti dall’ecosistema del pianeta, uno dei beni per i quali non abbiano limiti è la nostra creatività ed è su questa che ci dobbiamo basare per introdurre innovazioni che non portino solo nuove tecnologie, ma anche nuovi modelli economici. Questo è la Blue Economy: un sistema che non si basa solo sull’innovazione, ma anche su nuovi modelli produttivi che cambiano il nostro modo di guardare alla produzione e ai consumi. Ed è questo che vogliamo fare: vogliamo essere certi che i prodotti migliori siano anche i più economici. Che ciò che compriamo contribuisca alle esigenze fondamentali di tutti, che i prodotti e i servizi che acquistiamo regolarmente contribuiscano alla costruzione di un capitale umano. E’ un approccio completamente nuovo, fresco, di cui abbiamo urgente bisogno. Oggi tutto quello che i governi e le dirigenze riescono ad immaginare sono austerità e tagli dei costi. Ma questo non è possibile. Dovremmo evolvere, come fa la natura, dalla penuria alla sufficienza e all’abbondanza. La natura evolve sempre verso l’abbondanza. E noi in un momento di crisi riusciamo solo a pensare a fare meno, mentre dovremmo trasmettere alla gente il messaggio di fare di più con quello che abbiamo.

Leggi tutto...
 

Il Premio è stato istituito per invogliare le persone a scegliere i prodotti attenti all’ambiente e per incoraggiare le imprese a realizzarli. Ad attribuire il Premio a prodotti o servizi presenti in 40 categorie sarà una giuria composta da 10.000 italiani, dopo che il Comitato Scientifico avrà effettuato un primo vaglio dei prodotti e servizi candidati. Il riconoscimento è realizzato con il sostegno di mezzi di informazione, tra cui il settimanale Oggi, il summit in diretta web Ecoshow, il mensile Espansione, la tv Diva Universal.
www.premionatura.it

Eco News

Secondo un'analisi Coldiretti/Censis nel 2012 oltre 7 milioni di italiani hanno partecipato a gruppi di acquisto solidale. Si tratta del 18,6% della popolazione...
Leggi...
L'idea è semplice: un sito internet dove far convergere domanda e offerta nel settore del trasporto merci, sfruttando il poco ecologico fatto che...
Leggi...
200mila abitanti sulle coste della Cantabria, nel nord della Spagna, questa città è dotata di 12mila sensori che monitorano e controllano tutto quello...
Leggi...






Ecoshow Newsletter

Per conoscere le ultime novità di Ecoshow, iscriviti alla nostra Newsletter.

Iscriviti

Seguici...

     
La pagina Facebook di Ecoshow   Il canale YouTube di Ecoshow

Ecoshow su Facebook